Vedere Oltre l'Illusione di Questo Mondo

Menu Principale

Eventi & Lezioni



Diventa un Membro

Trova più saggezza e pratiche per elevare te stesso, la tua vita e le persone intorno a te. Dagli articoli e video settimanali alle lezioni e agli eventi in streaming live e in-Center, esiste un piano di membership per tutti.

Guarda i Piani di Membership
Membership Disponibili:
Onehouse Community
  • I benefici includono:
  • Partecipa ai webinar interattivi ogni settimana
  • Guarda i corsi completi su richiesta
  • Usufruisci di sconti su eventi, servizi di supporto e prodotti*
  • E molto di più...
  • Aderisci Oggi
  • *Nelle sedi aderenti. Possono esserci limitazioni.

Vai ancora più a fondo nella saggezza della Kabbalah con una sessione personalizzata e la lettura della Carta.
Incontro Gratuito con un Insegnante

I nostri istruttori dedicati sono qui per aiutarti a percorrere il tuo viaggio spirituale.

Richiedi il tuo
Lettura della Carta Astrologica Kabbalistica

Imparare a conoscere la nostra anima attraverso una carta astrologica aiuta a dare più significato e maggiore comprensione alle esperienze che affrontiamo, alle persone che conosciamo, al lavoro che facciamo e ai bivi sulla strada.

Prenota una lettura della Carta Astrologica
Sostegno personale - Servizi del Kabbalah Centre

Sessioni personalizzate one-to-one con un insegnante per approfondire un’area che ti interessa o avere aiuto dove hai più bisogno. Gli incontri spaziano dalle relazioni al tikkun, allo studio profondo dello Zohar, tutti personalizzati appositamente per te.

Prenota una sessione di orientamento

Vedere Oltre l'Illusione di Questo Mondo

Michael Berg
Settembre 28, 2022
Mi piace 50 Commenti 11 Condividi

Lo Shabbat che cade durante i dieci giorni tra Rosh Hashanah e Yom Kippur si chiama Shabbat Shuva, lo Shabbat del Ritorno. Quest'anno è lo Shabbat della porzione Vayelech.

"Viviamo tutti all'interno di questo regno dell'illusione, e lo accettiamo."

La porzione di Vayelech ha tutti gli insegnamenti che Mosè ci ha dato prima di lasciare questo mondo. All'inizio, Mosè dice qualcosa di molto strano agli Israeliti: "Oggi ho 120 anni. Non posso più uscire ed entrare". Cosa significa? Il Rashi, il grande kabbalista, dice che Mosè sta dicendo, essenzialmente, "Non posso più accedere alla saggezza; quindi, non posso darvela." Mosè è un’anima Giusta che prima di lasciare questo mondo ha rivelato la totalità della Luce. Sapendo ciò, come è possibile che Mosè dicesse che ora tutto è bloccato? Non ha alcun senso e non può essere compreso letteralmente. Quindi, quale è il segreto dietro a questa frase?

Questo mondo è un'illusione. In parole povere, nulla di ciò che vediamo, pensiamo o sperimentiamo è reale. Crediamo, ad esempio, di leggere lo Zohar, la Torah o le parole del Rashi e di altri grandi Kabbalisti e di capirli. Tuttavia, ciò che stiamo capendo è una saggezza ridotta e velata. Durante i suoi 40 anni di leadership, Mosè insegnava agli Israeliti - non voglio dire una versione offuscata - ma l'unica versione che potevano capire, l'unica versione che possiamo capire. Pertanto, la nostra esperienza, anche delle parole di Mosè, ha una comprensione ridotta.

I Kabbalisti insegnano che quando Mosè era nel suo ultimo giorno in questo mondo, il Creatore disse: "Ho intenzione di darti tutto". Mosè aveva già ricevuto le 49 Porte di Binah, Saggezza, e la 50esima gli fu rivelata in questo giorno. E una volta che Mosè fu connesso a quella Saggezza, non poté più parlare con nessuno, perché il quadro di riferimento che avevano gli Israeliti era completamente diverso dalla verità. In quanto tale, quando Mosè dice "Non posso più parlarti. Non posso più insegnarti" non è perché non sapeva qualcosa, ma perché aveva ricevuto tutto. Gli Israeliti non riuscivano a capire una parola di quello che diceva, perché vivevano ancora nel regno dell'illusione.

"Quando abbiamo questa consapevolezza, tutte le tenebre si trasformano in Luce."

Tutti viviamo e accettiamo questo regno di illusione in ogni momento di ogni giorno. Pertanto, la saggezza e la comprensione che pensiamo di ricevere o comprendere è quasi nulla. Naturalmente, qualsiasi connessione allo Zohar o alla Torah o agli scritti dei kabbalisti porta grande Luce; ma la vera Luce, la vera connessione, non è raggiungibile dal livello in cui ci troviamo. E dobbiamo iniziare da lì, sapendo che tutto ciò che vediamo e pensiamo è basato sul mondo dell'illusione che abbiamo accettato.

Per favorire questa comprensione, voglio condividere una storia:

C'erano due grandi studenti del Maggid di Mezeritch, Rav Shmelke di Nikolsburg e Rav Pinchas, suo fratello. Chiesero al Maggid di Mezeritch: quando una persona vede e vive nell'oscurità, dolore e negatività, come può essere benedetto, affinché veda e viva tutto solo come Luce?

Il Maggid di Mezeritch rispose: “Non sono io la persona giusta per elevarvi a quello stato; andate dal mio studente, Rav Zusha di Anipoli”. Quindi vanno da Rav Zusha e gli dicono che sono stati mandati dal loro insegnante, il Maggid di Mezeritch, affinché possano imparare. Chiedono: "Come possiamo raggiungere uno stato di consapevolezza in cui vediamo negatività e viviamo nel dolore e oscurità, ma vediamo tutto come una benedizione?" Rav Zusha risponde: "Non ho idea del perché il Maggid di Mezeritch vi abbia mandato da me per insegnarvi questo, non ho mai avuto nulla di negativo nella mia vita."

Chi conosce la storia di Rav Zusha sa che ebbe una vita molto difficile; se la guardassimo dall'esterno, vedremmo dolore e oscurità. Eppure Rav Zusha ha detto: "Non so perché...". Questo è il segreto che Mosè vuole darci in questo Shabbat tra Rosh Hashanah e Yom Kippur; c'è uno stato di consapevolezza che dobbiamo raggiungere per comprendere che qualsiasi dolore o oscurità che viviamo si basa sulla menzogna e sull'illusione di questo mondo.

Mosè dice agli Israeliti: "Sono venuto in questo luogo dove vedo che c'è solo Luce; non c'è oscurità, non c'è dolore. E voglio aiutarvi a elevarvi. "Nello Shabbat Shuva, Mosè viene da noi e dice:" Prendi tutta la tua tristezza, prendi tutta la tua oscurità e vieni dove sono io, il posto dove si vede solo bontà, benedizioni e Luce”. Ma prima dobbiamo credere che questo regno esista e sapere che non solo è uno dei più grandi doni, ma è anche disponibile per tutti.

Rav Zusha e Mosè hanno vissuto in questo stato, dove non c'è mai stata - né mai potrà esserci - alcuna esperienza di dolore o negatività, e dobbiamo sapere che nello Shabbat Vayelech, Shabbat Shuva, Mosè desidera donarcelo.

Nello Shabbat Shuva, possiamo chiedere la consapevolezza di vedere oltre l'illusione di questo mondo, vivendo solo Luce, mai oscurità o negatività. Quando abbiamo questa consapevolezza, tutte le tenebre si trasformano in Luce e tutti i giudizi si trasformano in misericordia.


Commenti 11