Aggrapparsi all'Anima del Mashiach

Menu Principale

Eventi & Lezioni



Diventa un Membro

Trova più saggezza e pratiche per elevare te stesso, la tua vita e le persone intorno a te. Dagli articoli e video settimanali alle lezioni e agli eventi in streaming live e in-Center, esiste un piano di membership per tutti.

Guarda i Piani di Membership
Membership Disponibili:
Onehouse Community
  • I benefici includono:
  • Partecipa ai webinar interattivi ogni settimana
  • Guarda i corsi completi su richiesta
  • Usufruisci di sconti su eventi, servizi di supporto e prodotti*
  • E molto di più...
  • Aderisci Oggi
  • *Nelle sedi aderenti. Possono esserci limitazioni.

Vai ancora più a fondo nella saggezza della Kabbalah con una sessione personalizzata e la lettura della Carta.
Incontro Gratuito con un Insegnante

I nostri istruttori dedicati sono qui per aiutarti a percorrere il tuo viaggio spirituale.

Richiedi il tuo
Lettura della Carta Astrologica Kabbalistica

Imparare a conoscere la nostra anima attraverso una carta astrologica aiuta a dare più significato e maggiore comprensione alle esperienze che affrontiamo, alle persone che conosciamo, al lavoro che facciamo e ai bivi sulla strada.

Prenota una lettura della Carta Astrologica
Sostegno personale - Servizi del Kabbalah Centre

Sessioni personalizzate one-to-one con un insegnante per approfondire un’area che ti interessa o avere aiuto dove hai più bisogno. Gli incontri spaziano dalle relazioni al tikkun, allo studio profondo dello Zohar, tutti personalizzati appositamente per te.

Prenota una sessione di orientamento

Aggrapparsi all'Anima del Mashiach

Michael Berg
Agosto 3, 2022
Mi piace 53 Commenti 15 Condividi

"C'è una voce inviata dalla Luce del Creatore che cerca di risvegliare ognuno di noi al vero lavoro spirituale."

Rav Ashlag cita una sezione del Tikunei Zohar dove è spiegato un versetto di Isaia che riporta: c'è una voce inviata dalla Luce del Creatore che cerca di risvegliare ognuno di noi al vero lavoro spirituale. Ma poi la voce esclama: "Perché dovrei continuare a chiamare?"

Quindi, perché la voce si esprime così? Perché purtroppo, lo Zohar afferma anche che la maggior parte di chi è coinvolto nel lavoro spirituale lo compie a livello egoistico, per la propria crescita individuale; troppo poche persone si sono risvegliate al lavoro spirituale per alleviare il dolore, la sofferenza e la morte che esistono nel mondo, come dice lo Zohar, che considerano separato dal proprio percorso. E poiché non si è ancora risvegliato a questo lavoro un numero sufficiente di persone, lo spirito e l'anima del Mashiach, la Luce della rimozione del dolore, della sofferenza e della morte, si allontana e non ritorna. E i kabbalisti spiegano che specialmente nello Shabbat Devarim, nei giorni che precedono Tisha B'Av e nel giorno stesso di Tisha B'Av, questa voce ci è inviata dal Creatore, viene e bussa al cuore di ognuno di noi, chiedendoci quanto vero desiderio abbiamo di rivelare la Luce del Creatore nel mondo in modo che dolore, sofferenza e morte possano essere rimossi non solo da noi, ma anche dal nostro prossimo.

"I kabbalisti spiegano che, soprattutto durante lo Shabbat Devarim e nello stesso giorno di Tisha B'Av, la voce inviata dal Creatore giunge a bussare al cuore di ognuno di noi, chiedendoci quanto vero desiderio abbiamo di rivelare la Luce del Creatore nel mondo."

Comprendiamo quindi che non c'è un altro periodo dell'anno in cui quel bussare al nostro cuore proviene dalla Luce, che ci implora di risvegliarci. Se, come dice lo Zohar, quella richiesta arriva e vede che purtroppo, individualmente o collettivamente, non siamo abbastanza concentrati nel realizzare il lavoro per alleviare il dolore, la sofferenza e la morte degli altri, oltre che per noi stessi, allora quello spirito, la Luce del Mashiach, se ne va. Quindi, ecco il lavoro da mettere in atto, specialmente durante lo Shabbat Devarim e Tisha B’Av. Ciò che vogliamo chiedere, durante questo periodo, è di tenerci stretti all'anima del Mashiach.

Vi è una storia in cui la madre del Mashiach dichiara che arrivò un vento e portò via suo figlio. Quella storia si riferisce a questo periodo dell'anno, il momento in cui il vento, lo spirito, l'anima del Mashiach, che racchiude tutta la Luce del Gemar HaTikun, la Fine della Correzione, scende per controllarci tutti, individualmente e collettivamente. Scende a verificare se ci siamo maggiormente risvegliati per rienergizzare e rafforzare il nostro lavoro spirituale, non solo a nostro beneficio, ma per gli altri. Se la risposta è sì, allora dobbiamo aggrapparci all'anima del Mashiach, possiamo trattenere una scintilla della Luce della Fine della Correzione. In caso contrario, come enuncia lo Zohar, quello spirito torna indietro e forse l'anno prossimo, in questo periodo, meriteremo di riceverlo..

È un'opportunità incredibilmente importante durante lo Shabbat Devarim e Tisha B'Av. Possiamo chiedere di essere tra chi si aggrappa all'anima del Mashiach, a quel risveglio, aprendo in tal modo i nostri cuori e permettendoci di rimanere aggrappati alla Luce che sospinge noi stessi - e il mondo intero - ulteriormente più vicini al Gemar HaTikun, alla fine del dolore, della sofferenza e della morte.


Commenti 15